10 Titoli Azionari favoriti grazie all’avvento della Realtà Virtuale (VR)

Con il rilascio imminente di dispositivi come l’Oculus Rift e PlayStation VR, il 2016 è destinato ad essere l’anno in cui la realtà virtuale (VR) diventerà ampiamente accessibile al pubblico. In un rapporto del maggio 2015, la banca di investimento Piper Jaffray ha messo a confronto lo stato attuale della realtà virtuale con i telefoni cellulari di 15 anni fa. La VR ha il potenziale per una crescita esplosiva e in questo articolo elencheremo i 10 titoli americani che svolgono un ruolo di primo piano in questo settore.

Facebook

Nel marzo del 2014 Facebook, Inc. (FB) ha ottenuto la startup Oculus VR per 2 miliardi di dollari. L’arrivo sul mercato degli occhiali Oculus Rift VR è previsto per il primo trimestre del 2016. Inizialmente finanziati da una campagna della Kickstarter, gli Oculus Rift  sono disponibili per videogiochi e film interattivi, e offrono la possibilità di esplorare le località di tutto il mondo. Precedenti tentativi di VR agli inizi degli anni ‘90, come Sega VR, sono falliti a causa di un ritardo sostanziale tra il movimento della testa e la risposta del dispositivo, il che ha provocato una forma di cinetosi negli utenti. L’avanzato rilevatore di movimento degli Oculus Rift ha ridotto il ritardo di appena due millesimi di secondo, forse superando questo ostacolo.

L’amministratore delegato di Facebook, Mark Zuckerberg, ha spiegato in un post di Facebook come Oculus in futuro potrebbe diventare molto più di una semplice piattaforma per videogiochi: “Immaginate di sedere a bordo campo per seguire una partita, o studiare in una classe di studenti e docenti di tutto il mondo, oppure consultare un medico faccia a faccia, e tutto questo solo mettendo degli occhiali”.

Sony

La Sony Corporation (SNE) è pronta a lanciare PlayStation VR (originariamente denominata “Progetto Morfeo”) nel primo semestre del 2016. La PlayStation VR garantisce un’esperienza 3D grazie all’ausilio di un display LCD full-HD e un’unità ottica con un campo visivo di circa 100 gradi. Anche l’audio è in 3D in Playstation VR, e il suono sembra provenire da tutte le direzioni. Un accelerometro ad alta sensibilità e un giroscopio permettono alla PlayStation VR di rilevare il movimento della testa con un periodo di latenza quasi nullo (sotto i 18 millisecondi). È inoltre disponibile la modalità multiplayer e in più la PlayStation VR permette di visualizzare l’azione simultaneamente, come immagine 2D sullo schermo del televisore. Secondo quanto riportato, la Sony detiene il record nella registrazione di brevetti nel campo della VR, con ben 366 brevetti o richieste di brevetto.

Alphabet

Il gigante della tecnologia Alphabet Inc.. (GOOG) sta svolgendo un ruolo chiave nella VR con una soluzione a basso costo che può contribuire a incoraggiare la diffusione capillare del prodotto. Introdotto in occasione della conferenza Google I/O 2014, Google Cardboard è una piattaforma di realtà virtuale open source che utilizza un semplice visualizzatore di cartone economico avvolto attorno a uno smartphone. I Google Cardboard consentono l’utilizzo di una gamma di applicazioni di realtà virtuale nel gioco e nell’intrattenimento. Inoltre, nell’ottobre dello stesso anno, Google ha condotto un investimento di 542 milioni di dollari nella realtà aumentata (AR) con la startup Magic Leap, che inserisce ologrammi realistici nel campo visivo tramite occhiali AR.

 

Go Pro

Nell’aprile del 2015, la GoPro Inc. (GPRO) ha annunciato di aver acquisito la startup francese di realtà virtuale Kolor, che consente agli utenti di produrre “contenuto sferico” ad alta risoluzione, a 360 gradi. Nel novembre 2015, la GoPro ha lanciato Odyssey, un array circolare costituito da 16 telecamere GoPro Hero4 Black. Al prezzo di 15.000 dollari, Odyssey è in grado di creare video a 360 gradi ed è ottimizzato per Jump, la piattaforma VR open-source di Google. La partnership tra Google e GoPro ha permesso la visione di video interattivi di YouTube a 360 gradi, anche con l’utilizzo di Google Cardboard.

Intel

Intel Corporation (INTC) è la più grande azienda multinazionale produttrice di dispositivi a semiconduttore, e si occupa della creazione delle unità di elaborazione grafica (GPU) utilizzate nei dispositivi di realtà virtuale. Inoltre, Intel e Razer, un’azienda produttrice di videogiochi, hanno collaborato per creare una fotocamera VR utilizzando RealSense, una tecnologia tridimensionale della Intel per fotocamere.

Microsoft

HoloLens è un dispositivo della Microsoft Corp. (MSFT) di realtà aumentata (AR) che sovrappone ologrammi ad alta definizione nel campo visivo. HoloLens unisce il mondo digitale e il mondo reale tramite l’uso di ologrammi, creando giochi più coinvolgenti e nuovi modi di insegnare, creare e collaborare. I dispositivi HoloLens saranno disponibili per gli sviluppatori negli Stati Uniti e in Canada nel primo trimestre del 2016.

Apple

Si sa relativamente poco sui piani della Apple Inc. (AAPL) nel campo di AR/VR, ma gli analisti puntano a due acquisizioni come prova dell’interesse dell’azienda per il settore. Nel 2013, la Apple ha comprato PrimeSense, azienda leader nella tecnologia di sensori 3D, per 345 milioni di dollari. Nel maggio 2015 la Apple ha invece acquisito la startup AR Metaio. La tecnologia di Metaio ha supportato il catalogo virtuale di Ikea e il salone di esposizione virtuale della Ferrari NV (RACE) AR. Inoltre, la Apple ha pubblicamente postato un annuncio di lavoro per uno sviluppatore di realtà virtuale e ha depositato un brevetto per un dispositivo VR per iPhone.

Qualcomm

La Qualcomm, Inc. (QCOM) è una società statunitense di ricerca e sviluppo nel campo delle telecomunicazioni wireless e costruisce processori per gli smartphone, gli stessi utilizzati nei dispositivi VR. Il chip Snapdragon 820 di Qualcomm presente negli smartphone, fornisce una risoluzione Ultra HD, un’esperienza audio a 360 gradi e una resa visiva quasi istantanea per quanto riguarda l’esperienza di realtà virtuale fornita dal dispositivo mobile. La Qualcomm ha anche partecipato all’investimento nella Magic Leap di 542 milioni di dollari condotto da Google.

Disney

La Walt Disney Co. (DIS), insieme ad Evolution Media Partners e China Media Capital (CMC), ha portato una tornata di finanziamenti di 65 milioni di dollari l’uno alla Jaunt, una startup cinematografica di realtà virtuale. La Jaunt è specializzata nella creazione e distribuzione di VR di qualità. La Disney, con le sue diverse attività tra cui film, sport e musica è destinata a trarre benefici dal crescente uso di VR nel campo dell’intrattenimento. La società ha anche sperimentato la realtà virtuale nei suoi parchi a tema.

Nvidia

La Nvidia Corp. (NVDA), con base a Santa Clara in California, è leader nella produzione di unità di elaborazione grafica (GPU) per videogiochi, le quali alimentano la VR e il dispositivo AR. Nel maggio del 2015, Oculus ha consigliato di utilizzare una GPU Nvidia GeForce GTX 970 o superiore per un esperienza ottimale con il dispositivo Rift VR.

Vuoi allenarti col Trading senza rischiare?
Prova il Conto Demo della piattaforma Markets.
Comincia a prendere confidenza col trading senza rischiare il tuo capitale. VAI ALLA DEMO

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Cookies Policy Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close