5 Tipi comuni di Portafoglio Azionario

Gli investitori azionari cercano costantemente la diversificazione del loro portafoglio. Il concetto è quello di non mettere semplicemente tutte “le uova nello stesso paniere” (che a sua volta aiuta a ridurre i rischi) e cercare di migliorare le prestazioni o il ritorno sugli investimenti fatti. Diversificare un portafoglio azionario ha senso, ma ci sono diversi modi di diversificare e ci sono diversi tipi di portafoglio. Ma, prima di elencarvi i diversi tipi, è importante capire che la costruzione di un portafoglio richiederà attività di ricerca e un certo “sforzo”, sia intellettuale che economico!

1. Portafoglio aggressivo

5 tipi comuni di portafoglio azionarioUn portafoglio aggressivo o paniere di titoli comprende le azioni con alto rischio / alto rendimento. Le azioni appartenenti a questo portafoglio hanno, in genere, un beta elevato (misura della volatilità o rischio sistematico di un titolo o di un portafoglio rispetto al mercato nel suo complesso. Il termine Beta è utilizzato nel Capital Asset Pricing Model (CAPM), un modello che calcola il rendimento atteso di un bene sulla base del rendimento di mercato atteso).

Le azioni a beta maggiore hanno fluttuazioni più ampie rispetto al mercato complessivo su una base costante. I titoli più aggressivi (e quindi anche le società) sono nelle prime fasi di crescita e hanno una unica proposta di valore. Costruire un portafoglio aggressivo richiede che un investitore sia disposto a cercare tali società, perché la maggior parte di questi nomi, con poche eccezioni, non saranno delle società “comuni”. Uno dei settori “aggressivi” più comuni è quello della tecnologia, ma molte altre aziende in diversi settori perseguono una strategia di crescita aggressiva.

Come forse avete ben capito, la gestione del rischio diventa molto importante nella costruzione e il mantenimento di un portafoglio aggressivo. Mantenere le perdite al minimo e accumulare profitti, saranno le chiavi del successo in questo tipo di portafoglio.

2. Portafoglio Difensivo

I titoli difensivi non hanno di solito un beta elevato e sono anche abbastanza isolati da ampi movimenti di mercato. I titoli “ciclici”, invece, sono quelli che sono più sensibili al “ciclo economico”. Ad esempio, durante i periodi di recessione, le aziende che producono prodotti o servizi “basilari”, tendono a fare meglio di quelle che si concentrano su beni di lusso. Quindi, anche se vi saranno periodi di recessione economica, le aziende che producono prodotti essenziali per la vita di tutti i giorni, sopravviveranno sempre. Pensate gli elementi essenziali nella vostra vita di tutti i giorni e poi trovate le aziende che producono questi prodotti di prima necessità. La possibilità di acquistare titoli ciclici, offrirà all’investitore un ulteriore livello di protezione contro eventi dannosi. Un portafoglio difensivo è adatto agli investitori prudenti. Molte di queste società offrono un dividendo che aiuterà a minimizzare le perdite in conto capitale al ribasso.

3. Portafoglio di reddito

Un portafoglio di reddito si concentra sul fare soldi attraverso i dividendi o altri tipi di distribuzioni ai soggetti interessati. Questi titoli dovrebbero offrire rendimenti più elevati e dovrebbe generare un flusso di cassa positivo. Le aziende che offrono questi titoli, di solito, restituiscono la stragrande maggioranza dei loro profitti agli azionisti in cambio di uno status fiscale favorevole.

Tenete a mente, tuttavia, che queste azioni sono soggette anche al “clima economico”. Un portafoglio di reddito è un buon complemento per lo stipendio della maggior parte dei lavoratori o di altri redditi da pensione. Gli investitori devono essere alla ricerca di titoli che sono caduti in disgrazia e che hanno ancora mantenuto una politica di alto dividendo. Queste sono le aziende che non possono integrare solo reddito, ma anche fornire delle plusvalenze.

4. Portafoglio speculativo

Un portafoglio speculativo può essere considerato alla stregua di un…gioco d’azzardo! Esso, infatti, è quello che presenta più rischi di tutti gli altri. Molti guru finanziari suggeriscono che un massimo del 10% del proprio patrimonio investibile potrebbe essere utilizzato per finanziare un portafoglio speculativo. Un esempio di questo portafoglio, potrebbe essere le offerte pubbliche iniziali (IPO) e quei titoli che si dice possano essere obiettivi di acquisto.

Le società tecnologiche, quelle per la salute che sono in fase di ricerca di un prodotto innovativo o una compagnia petrolifera giovane che sta per pubblicare i suoi risultati iniziali di produzione, rientrano tutte in questa categoria. Un altro classico “gioco speculativo” è quello di prendere una decisione di investimento basata su una voce che la società sia soggetta ad un cambio di gestione a breve termine. Anche gli ETF, per molti aspetti, hanno un carattere speculativo! Infatti, questi investimenti sono seducenti e scegliere quello giusto potrebbe portare ad enormi profitti in un breve lasso di tempo.

5. Portafoglio ibrido

Costruire un portafoglio ibrido significa avventurarsi in altri investimenti, come le obbligazioni, materie prime, immobili e anche l’arte. Fondamentalmente, ci sono un sacco di flessibilità nell’approccio ibrido. Tradizionalmente, questo tipo di portafoglio conterrebbe titoli blue chip o obbligazioni societarie.

Un metodo comune sostiene l’acquisto di obbligazioni con scadenze diverse, ed è essenzialmente un approccio di diversificazione. In sostanza, un portafoglio ibrido dovrebbe includere un mix di azioni e obbligazioni in una proporzione di allocazione relativamente fissa.

Questo tipo di approccio offre i vantaggi della diversificazione tra le diverse classi di attività diverse da titoli azionari e titoli a reddito fisso tendono ad avere una correlazione negativa l’uno con l’altro.

Condividi suShare on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on LinkedIn0Share on Reddit0
Vuoi allenarti col Trading senza rischiare?
Prova il Conto Demo della piattaforma Markets.
Comincia a prendere confidenza col trading senza rischiare il tuo capitale. VAI ALLA DEMO

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Cookies Policy Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close