Crisi del mercato creditizio e recessione

Gli analisti hanno dichiarato che un affidabile indicatore del mercato obbligazionario potrebbe preannunciare l’arrivo di una recessione negli Stati Uniti, e non si tratta dell’appiattimento della curva dei rendimenti.
I premi di rischio su obbligazioni societarie investment grade, rispetto ai simili buoni del Tesoro americani,
dal mese di Febbraio sono aumentati e stanno per raggiungere dei livelli che iniziano ad attirare l’attenzione di alcuni gestori di fondo e analisti.

Crisi del mercato creditizio e recessione

Crisi del mercato creditizio e recessione

“Le persone parlano della curva dei rendimenti come un fattore che preannuncia una recessione, ma anche gli spread creditizi sono un altro elemento abbastanza significativo”

ha dichiarato Gene Tannuzzo, senior portfolio manager presso la Columbia Threadneedle Investments di Minneapolis.

La più grande economia del mondo sembra ancora sana sotto molti punti di vista: basso tasso di disoccupazione, ingenti esportazioni, un mercato immobiliare resiliente e fiducia dei consumatori e delle imprese ai massimi livelli.

Tuttavia, l’escalation delle tensioni sul commercio globale ha preoccupato alcuni investitori. Inoltre, l’inflazione degli Stati Uniti rimane ostinatamente bassa, eliminando il potere di determinazione dei prezzi da parte delle imprese, mentre i tassi di interesse di riferimento sono in aumento. Inoltre, il deficit federale si sta gonfiando dopo un massiccio taglio delle tasse.

Alcuni investitori sono preoccupati del fatto che la curva dei rendimenti si sia appiattita, con i rendimenti delle obbligazioni a lungo termine che si avvicinano a quelli del debito pubblico a breve termine. Ma la curva non si è invertita, situazione in cui i rendimenti a lungo termine scendono al di sotto di quelli del debito a breve termine, considerato l’indicatore di recessione più affidabile.

“Abbiamo avuto una ripresa bizzarra: se si dispone di una ripresa strana, si potrebbe avere una recessione altrettanto strana”

ha detto Jim Paulsen, capo degli investimenti stratega presso il gruppo Leuthold a Minneapolis.

Paulsen ha notato che i premi per il rischio o gli spread sui titoli corporate con rating Baa rispetto ai buoni del Tesoro sono aumentati al 2% questo mese, in base ai dati di Moody’s Investors Services. Questo traguardo è stato raggiunto durante o appena prima delle sei delle ultime sette recessioni degli Stati Uniti dal 1970.

A Febbraio, lo spread delle obbligazioni investment-grade più rischiose, basato sulla scala di rating di Moody’s, era in media all’1,65%, il più basso in oltre un decennio.

Il presidente della Fed di Dallas, Robert Kaplan, ha detto a Reuters in un’intervista di venerdì scorso che, mentre le condizioni del credito sono positive, potrebbero deteriorarsi rapidamente.

“Gli spread creditizi sono ragionevolmente ristretti, ma possono cambiare rapidamente”

ha affermato.

Crisi del mercato creditizio e recessione

Possibili scenari problematici

Le società statunitensi siedono su circa 2 trilioni di dollari di liquidità e possono ancora richiedere facilmente prestiti, anche se la Fed ha aumentato i tassi di interesse a breve termine dal Dicembre 2015.

Con l’economia che procede a gonfie vele, sostenuta dalla revisione delle tasse federali dello scorso anno, le società S & P 500 prevedono un robusto aumento del 21% nei guadagni del secondo trimestre, secondo i dati di Thomson Reuters.

Eppure quest’anno le obbligazioni societarie hanno registrato performance scarse, in quanto i timori su una guerra commerciale hanno offuscato l’ottimismo degli investitori dal taglio delle tasse e da regolamenti più leggeri.
Anche la riduzione dell’appetito estero ha impantanato il settore, stando a quanto sostengono gli analisti.

Gli standard di prestito più deboli hanno tassi di insolvenza lievemente più elevati, anche se sono ancora in bilico vicino ai minimi storici.

“Le obbligazioni investment grade poco performanti e i livelli di speculazione indeboliti hanno focalizzato la mente degli investitori sul settore aziendale come fonte di rischio di recessione”

hanno scritto gli economisti del Credit Suisse questa settimana.

Sebbene le condizioni del mercato creditizio non abbiano raggiunto livelli allarmanti, “si stanno preparando dinamiche potenzialmente pericolose”, hanno scritto. I possibili segnali di allarme che stanno osservando includerebbero bruschi cambiamenti nei tassi di interesse a breve e lungo termine e un ampliamento degli spread creditizi.

Crisi del mercato creditizio e recessione

Il ruolo della Federal Reserve

Mentre spread creditizi più ampi e una curva di rendimento appiattita sono indubbi segnali di allarme, alcuni gestori di fondi credono nella solida economia americana e una attenta Federal Reserve dovrebbe tenere a bada una recessione per almeno un altro anno.

“Penso che sia prematuro che il mercato creditizio stia inviando qualsiasi tipo di segnale di cautela”

ha dichiarato John Bellows, portfolio manager di Western Asset Management Co. a Pasadena, in California.

L’economia degli Stati Uniti stava crescendo a un ritmo di circa il 4% nel secondo trimestre, secondo il modello di previsione della Fed di Atlanta, quindi Bellows ha detto che può assorbire aumenti graduali da parte della Fed.

“Al momento, la crescita negli Stati Uniti è stata abbastanza buona con sorprese al rialzo ultimamente”, ha aggiunto. “Gli aumenti della Fed al ritmo attuale sono appropriatamente cauti e non saranno di disturbo”.

I responsabili politici hanno segnalato che la banca centrale degli Stati Uniti potrebbe prendere in considerazione l’aumento dei costi di finanziamento overnight di due volte quest’anno. Analisti e investitori hanno affermato che terranno sotto stretta osservazione il modo in cui il mercato delle obbligazioni societarie reagisce agli sviluppi politici ed economici.

(* I CFD sono strumenti ad alto rischio. Il 74-89% di investitori perde i propri soldi facendo trading sui CFD. Sii consapevole che potresti perdere i soldi che decidi di investire.)

Vuoi allenarti col Trading?
Prova il Conto Demo della piattaforma Markets.
Comincia a prendere confidenza col trading senza rischiare il tuo capitale. VAI ALLA DEMO

(* I CFD sono strumenti ad alto rischio. Il 74-89% di investitori perde i propri soldi facendo trading sui CFD. Sii consapevole che potresti perdere i soldi che decidi di investire.)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *