Opzioni binarie: truffa?

Aumentano sempre di più le richieste di strategie per il trading di opzioni binarie, nonostante esse siano da molti considerate lo schema perfetto per separare i trader più ingenui dal loro capitale. Inoltre, i relativi broker non suscitano affatto una buona impressione iniziale. Alcuni sono gestiti a Cipro con indirizzi fasulli e altri non sono per niente controllati e, come se questo non fosse sufficiente, diffondono anche delle informazioni fittizie riguardanti enormi profitti, al fine di invogliare i trader. Si dice che essi manipolano la curva dei prezzi per impedire ai trader di vincere e, se ciononostante un trader riesce comunque ad avere successo, i broker si rifiutano di pagare, sparendo con i soldi senza lasciare traccia. In linea di massima sono queste le opinioni negative di cui ”godono” le opzioni binarie, ma è davvero così oppure esse celano una grande opportunità di guadagni di cui i loro stessi broker sono all’oscuro?Opzioni binarie: Truffa?Le opzioni binarie, nella loro forma più comune, sono molto diverse rispetto alle vere opzioni. Esse rappresentano una scommessa secondo la quale il prezzo di un asset impennerà o crollerà in un dato arco temporale. Se vinci la scommessa, il broker pagherà la tua quota con una ricompensa che va dal 75% al 95%. Se perdi la scommessa, sarai tu a dover pagare la quota. Con le opzioni binarie, si effettuano operazioni di trading non contro il mercato, ma contro il broker. Quest’ultimo, al fine di ottenere per sé dei profitti, ha necessità che tu perda. Anche se esso paga le tue vincite e non manipola in nessun modo la curva dei prezzi, può sempre controllare i i tuoi guadagni con i suoi pagamenti. Quindi, sembra che nonostante tu abbia trovato un sistema vincente, il broker troverà il modo di farti perdere a lungo termine riducendo i pagamenti e assicurandosi così una tua sconfitta.

Abbiamo ampiamente discusso delle opzioni binarie in ogni loro forma. Intorno ad esse ruotano davvero molti soldi – per gli utenti, per i broker e per gli sponsor – e questo è un dato di fatto che non cambierà dalla sera alla mattina. Il trading di opzioni binarie è legittimo ma al contempo incredibilmente rischioso. E’ necessario comprendere i meccanismi del settore e i rischi ad esso legati e non prendere per oro colato le parole di chi sostiene che le opzioni binarie siano una rapida soluzione per i tuoi problemi finanziari. In realtà non c’è niente che sia più lontano dalla verità di questo.

Opzioni binarie: Trading

I trader di opzioni binarie ”investono” nei movimenti futuri di determinati asset, come l’oro, le azioni, i mercati, ecc. I trader di opzioni binarie cercano di predire se il valore di tali asset aumenterà o calerà in un dato arco di tempo. Se le loro previsioni si rivelano esatte, il trader avrà successo, se invece le sue previsioni si riveleranno errate, il trader perderà tutto il denaro investito.

Questo però non fa delle opzioni binarie una truffa, semplicemente non le rende adatte per un investimento. La maggior parte dei broker di opzioni binarie sono attività legali e in quanto tali, non ruberanno i tuoi soldi e in caso tu decida di affidarti a loro, non sarai soggetto a frodi. Il problema però è che la grande maggioranza dei broker promette aspettative irrealistiche che non si verificano nei fatti.

Esistono sicuramente casi in cui questo si  è verificato davvero ma si tratta di eccezioni che capitano molto di rado. Ignorando la rarità di queste vincite ingenti, molte persone si affidano ciecamente ai broker di opzioni binarie che promettono vincite irrealistiche, finendo col perdere tutto il loro capitale investito.

Opzioni binarie: Piattaforme di trading

Il primo step per fare trading con le opzioni binarie consiste nell’aprire un account su una piattaforma di negoziazione. La scelta della piattaforma deve essere fatta con attenzione, tenendo conto di numerosi fattori fra i quali evidenziamo:

  • Rendimento: Fattore da tenere sempre sotto controllo in quanto è molto variabile a seconda delle piattaforme, è naturalmente preferibile scegliere quelle aventi il rendimento più alto;
  • Affidabilità: Molto dipende dall’affidabilità del software della piattaforma in quanto renderà più facile guadagnare risparmiando tempo;
  • Sicurezza: Una buona piattaforma trading deve essere sicura al fine di garantire il massimo per il trader e il suo capitale;
  • Versamento minimo: Anche questo fattore è fondamentale in quanto alcune piattaforme consento di iniziare con un minimo importo mentre altre necessitano di un capitale più alto. Questa scelta è a discrezione del trader;

Opzioni binarie: Elementi costitutivi

  • Asset: rappresenta il titolo di cui il trader desidera predire l’andamento del prezzo. Può essere il barile di petrolio, un’azione, l’oro, ecc.;
  • Capitale investito: è la somma che si investe per acquistare l’opzione. E’ una scelta del trader ma va da sé che più è alta la somma investita e più alto sarà il guadagno;
  • Previsione: Come un gioco d’azzardo, il trader deve prevedere il prezzo dell’asset alla scadenza. Se indovina vince – se sbaglia perde.
  • Guadagno: Si tratta di un parametro importantissimo, che varia a seconda della piattaforma e consiste nella percentuale del capitale investito che il trader riceve in caso di previsione corretta del trend;
  • Scadenza: è l’arco temporale in cui avviene la previsione. più ristretto è, più velocemente si possono fare transazioni;
  • Rimborso: Inizialmente non era previsto e per questo, in caso di errata previsione, il trader perdeva tutto. Molti broker hanno ovviato a questa falla offrendo un rimborso che in genere si aggira intorno al 15%.

Opzioni binarie: Qual è l’opinione degli enti regolatori?

In questo paragrafo entra in campo la realtà regolatrice più importante in circolazione, la cipriota Cysec, primo ente ad aver riconosciuto, nel 2012, le opzioni binarie al pari di altri strumenti del mercato e ad aver dato il via ad una lunga scia di broker che offrivano la possibilità di fare trading con opzioni binarie. Con un mercato ormai divenuto saturo di questo tipo di servizi di brokeraggio, sono iniziati ad affiorare anche fenomeni illeciti e pericolosi.

Ritornando alla Cysec, negli ultimi tempi, questo ente regolatore ha pensato di fare un notevole passo indietro nei riguardi delle opzioni binarie, imboccando un sentiero diametralmente opposto a quello intrapreso nel 2012, pensando addirittura di vietare le opzioni binarie come strumento di investimento. Naturalmente, non si tratta di una profonda indecisione priva di fondamento, ma anzi la questione delle opzioni binarie è così complessa da rendere necessaria una dovuta e attenta analisi.

Opzioni binarie: quali sono i pro e i contro?

I pro delle opzioni binarie:

  • Gestione del capitale molto semplice;
  • Facilità di scovare i broker molesti;

I contro delle opzioni binarie:

  • Equivalgono ad una sorta di gioco d’azzardo;
  • Trader e broker non vanno nella stessa direzione;
  • La percentuale di rimborso è molto bassa;
  • Gestione del rischio limitata o assente;
  • Ridotti parametri personalizzabili;
  • Pullulano di impostori;

 

Migliori Broker Opzioni Binarie

BROKER MIN. DEPOSITO ASSISTENZA SITO
   €10  Ottima  VAI

(* I CFD sono strumenti ad alto rischio. Il 74-89% di investitori perde i propri soldi facendo trading sui CFD. Sii consapevole che potresti perdere i soldi che decidi di investire.)

Vuoi conoscere e seguire valide strategie di Trading? Ecco IL CORSO giusto da seguire!
... Dopo il Corso, allenati senza rischiare con un Conto Demo

(* I CFD sono strumenti ad alto rischio. Il 74-89% di investitori perde i propri soldi facendo trading sui CFD. Sii consapevole che potresti perdere i soldi che decidi di investire.)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *