Perchè è arrivato il momento di investire in azioni italiane

Le prospettive per l’Eurozona si stanno “deteriorando” di giorno in giorno. In superficie, la crisi è portata dal debito pubblico dei vari paesi. Ma, in realtà, è tutta una questione politica! Mentre i debiti della zona euro sono significativi, se affrontati nel loro insieme, potrebbero essere trattati meglio. Il problema è che la zona euro non è un tutt’uno: si tratta di un gruppo di nazioni distinte. E anche i mercati non riescono ad accordarsi su come suddividere il debito. Da una parte c’è la Germania, che non vuole lasciare altri paesi fuori dai guai troppo facilmente. Mentre la Spagna ha chiesto aiuto alla BCE per il salvataggio delle sue banche, i tedeschi sono restii a farlo senza una richiesta ufficiale da parte del paese e l’imposizione di condizioni di austerità che ciò comporterebbe. In ultima analisi, i tedeschi premono per un disegno di legge per un’Europa più integrata, così da essere sicuri che si finirà per accettare le loro condizioni. Così, i paesi europei in difficoltà potrebbero cercare di tagliare il debito nel modo più difficile e improbabile possibile: smettendo di spendere! Il problema è che se si taglia la spesa del settore pubblico in un momento in cui le banche sono paralizzate, un’economia potrebbe contrarsi ancora di più! L’economia greca si è ridotta di oltre il 6% nei primi tre mesi di quest’anno. A sua volta, la disoccupazione è in crescita, soprattutto tra i giovani e il popolo si sta ribellando contro le misure di austerità e dei governi incaricati della loro esecuzione. I leader europei, senza dubbio, sperano il popolo greco capisca che un’uscita dall’Euro porterebbe a guai peggiori. Ma, probabilmente, il rifiuto più importante all’austerità è venuto dal governo francese. François Hollande è salito al potere promettendo “crescita” e gli elettori francesi non hanno alcuna intenzione di finire come la Spagna o la Grecia.

In un clima simile, cosa dovrebbero fare gli investitori? Molti hanno investito nella ‘”sicurezza” dei titoli di Stato decennali britannici e americani. Ma, una scommessa migliore, potrebbe essere quella di acquistare titoli europei. Questo potrebbe sembrare una scelta folle! Perché qualcuno dovrebbe comprare azioni in questi paesi, quando le prospettive sono così tristi? La risposta è semplice: perché sono a buon mercato! L’anno scorso, i mercati azionari spagnoli, italiani e portoghesi hanno perso ciascuno almeno il 35% del loro valore. E Atene è andata giù di oltre il 60%! Ma, di tutti i mercati europei, quello più interessante è sicuramente il mercato azionario italiano. Perché? Perché mai l’Italia “ha avuto un assetto dei prezzi delle attività”. Come Richard Halle della M & G European Value Fund Strategic ha rilevato sulla Reuters recentemente: “E’ molto più facile investire in Italia rispetto agli altri paesi. L’Italia non ha un vero e proprio assetto immobiliare. “Così ora, dice Edwards,” L’Italia non soffre di una rapida riduzione della leva finanziaria del settore privato che frenino la crescita “come” nelle altre economie“. L’indebitamento delle famiglie italiane è basso, soprattutto per gli standard britannici (53% del PIL nel 2010, rispetto al 106% per la Gran Bretagna). L’unica ragione che ha fatto aumentare il proprio indebitamento è perché la sua crescita economica “sclerotica” ha fatto affidamento sui prestiti per ottenere soldi per far fronte ai rimborsi sui propri debiti esistenti! Anche nella più cupa delle previsioni, il deficit di bilancio annuale (l’importo di spesa che supera le imposte) arriverà all’1,5% del PIL nel 2013. Questo significa anche che l’Italia potrebbe, in teoria, andare in default! L’Italia è in recessione, insieme con la maggior parte del resto d’Europa. Il suo pesante debito nazionale significa che qualsiasi modifica dei propri oneri finanziari avrà un grave impatto sulla sua capacità di rimborsare i debiti. Ma in Italia i problemi reali sono strutturali.

Titoli italiani su cui investire

E per quanto riguarda i singoli titoli? Alcune delle migliori aziende italiane comprendono i marchi di lusso come Salvatore Ferragamo e il produttore di occhiali da sole Luxottica. Tuttavia, come tutti i marchi di lusso, potrebbero essere appetibili per i nuovi investitori cinesi. Comunque, bisognerebbe evitare di investire in questi titoli. Di maggiore interesse potenziale per gli investitori coraggiosi italiani è il più grande fornitore di energia elettrica Enel (ENEL). La buona notizia è che, pur avendo recentemente tagliato i suoi dividendi per aiutare a pagare i debiti, gli utili aziendali sono di circa l’11%, senza contare la notevole esposizione nei mercati dell’elettricità e del gas in tutta Europa così come negli Stati Uniti. La cattiva notizia è che il gruppo è fortemente indebitato!  Un’altra opzione è il più grande produttore di automobili italiano, la Fiat (F). Dopo la recente riforma del lavoro, l’azienda dovrebbe contribuire a rafforzare la propria produttività. E se l’Italia finirà per tornare alla lira, ciò gioverebbe a quelle aziend esportatrici come la Fiat. Trading a poco più di metà del suo valore contabile un rapporto prezzo / utili di circa 5.4, la Fiat sembrerebbe un investimento a buon mercato. Un altro investimento possibile potrebbe essere quello in azioni Eni (ENI). L’azienda offre un dividendo di circa il 6,5%. Essa è una delle prime scelte della JP Morgan nel settore, con un target price di € 21.50 (si scambia attualmente a circa € 15,80). Se vi sentite particolarmente “avventurosi”, sarà possibile dare un’occhiata ad altri mercati europei in difficoltà. Per la Grecia, il Lyxor ETF FTSE Athex 20 (Parigi: GRE). Tuttavia, se si crede che la Grecia esca dall’euro, potrebbe essere meglio aspettare fino a dopo la svalutazione della dracma prima di acquistare queste azioni. In caso contrario, potrebbe essere un buon modo per scommettere su un “rimbalzo” positivo a breve termine dopo l’elezioni, ma questa è davvero una scommessa piuttosto che un investimento! Per quanto riguarda la Spagna, l’US-Shares MSCI Spain Index (USA: EWP), che ha un Total Expense Ratio di 0,52%, è probabilmente il modo più semplice ed economico per investire nel mercato anche se, il fatto che sia un’azione quotata in dollari, c’è un ulteriore livello di rischio per il cambio.

(* I CFD sono strumenti ad alto rischio. Il 74-89% di investitori perde i propri soldi facendo trading sui CFD. Sii consapevole che potresti perdere i soldi che decidi di investire.)

Vuoi conoscere e seguire valide strategie di Trading? Ecco IL CORSO giusto da seguire!
... Dopo il Corso, allenati senza rischiare con un Conto Demo

(* I CFD sono strumenti ad alto rischio. Il 74-89% di investitori perde i propri soldi facendo trading sui CFD. Sii consapevole che potresti perdere i soldi che decidi di investire.)

One thought on “Perchè è arrivato il momento di investire in azioni italiane

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *