Guida agli investimenti nel settore tecnologico

Il settore della tecnologia rappresenta una grande opportunità di investimento. Esso rappresenta il più grande singolo segmento del mercato. Più di ogni altra cosa, le aziende tecnologiche sono associate con l’innovazione e l’invenzione. Gli investitori si aspettano notevoli spese dalle aziende tecnologiche, ma anche un flusso costante di progresso e di nuovi prodotti e servizi innovativi. Questi prodotti e servizi sono poi diffusi in tutta l’economia: non c’è, infatti, un solo settore dell’economia moderna che la tecnologia non “tocca” e su cui non si basi per migliorare la qualità, la produttività e / o la redditività.

investire in tecnologiaMa il settore tecnologico è anche noto per la sua concorrenza dilagante e i suoi cicli di rapida obsolescenza. Sapevate che, ad esempio, la “vita” media di un computer sul mercato è inferiore a 3 mesi? Con questa spinta costante a migliorare e superare i concorrenti con prodotti sempre più nuovi e funzionali, nessuna azienda che opera nella tecnologia può stare tranquilla a lungo! Questo ciclo di rapida obsolescenza significa anche che vincitori e vinti non necessariamente mantengono le loro posizioni sul mercato per molto tempo! La Microsoft è stata fondata nel 1975 e molti esperti hanno già scritto il suo “necrologio” come leader nel settore! Allo stesso modo, la Apple era stata data per “morta” addirittura nel 1990 a causa della posizione dominante del duopolio WinTel. Ma oggi, tutti sappiamo come è andata a finire!

All’interno del mondo enorme e difficile degli investimenti nelle società tecnologiche, bisogna dare uno sguardo attento ai suoi quattro settori chiave: semiconduttori, software, networking ed hardware. Anche se non tutte le società di tecnologia si inseriscono in uno di questi quattro settori, la maggior parte lo fanno, ed è un modo utile per “parlare” del settore nel suo complesso.

Semiconduttori

I semiconduttori (comunamente chiamati chips) sono alla base di quasi tutto il resto della tecnologia. L’industria dei semiconduttori rappresenta una fetta enorme del mercato. Un fattore da tenere in considerazione se si vuole investire in questo settore, sono quei prodotti e servizi che dipendono dai semiconduttori, almeno implicitamente. Ci sono numerosi tipi e categorie di semiconduttori. I chips possono essere suddivisi in circuiti analogici, digitali e a segnale misto, ma è più comune discutere di chip in base alla loro funzione ultima, come la gestione dell’alimentazione, microprocessori, microcontrollori, sensori ed amplificatori. Anche se i semiconduttori sono onnipresenti, l’industria è molto ciclica. Nonostante ciò, la cosa più importante per le aziende del settore dei semiconduttori è la capacità di progettare prodotti di qualità superiore (più funzioni per chip, consumi bassi, più affidabilità, ecc) al miglior prezzo.

software

Oggi, senza un software, saremmo persi! I computer sono ovunque e rappresentano dei componenti critici di tutto, dai pacemaker alle auto, ma nessuno di questi oggetti farebbe nulla senza un software al loro interno. In quanto tale, non è sorprendente che il settore dei software rappresenti una grande industria, con un giro d’affari nell’ordine dei $ 300 miliardi di dollari all’anno! Il software non è notevolmente ciclico di per sè. Così, quando arrivano dei periodi di recessione, le aziende in genere riducono la loro tecnologia dell’informazione (IT), i bilanci e gli acquisti di software. Il settore del software non richiede praticamente alcuna infrastruttura ed è difficile da proteggere tramite brevetti o copyright. Di conseguenza, piccole aziende con prodotti innovativi possono apparire (e scomparire!) da un giorno all’altro e senza preavviso! Questa è comunque una delle categorie più fertili per la costituzione di nuove imprese e di nuovi prodotti. Il cloud computing, ad esempio, consente alle aziende di offrire il software come un’applicazione on-demand (in genere attraverso Internet o una rete chiusa), in contrasto con il codice effettivamente residente sui server di un singolo cliente e sui dischi rigidi.

Networking e Internet

Il networking è probabilmente la più grande innovazione tecnologica dall’invenzione del microchip! La creazione di reti non solo ha migliorato significativamente l’efficienza all’interno delle aziende, ma la connessione internet (una rete gigantesca!) ha facilitato importanti cambiamenti al commercio, sostenendo modelli di business completamente nuovi come negozi privi di vendita al dettaglio e l’uso di software per servizi. La rete è per molti aspetti un sotto-settore degli altri mega-settori, ma richiede hardware (che richiedono chip) e il software per funzionare. Detto questo, è abbastanza grande e abbastanza importante per stare da sola! In linea generale, gli investitori possono dividere la loro attenzione tra le imprese che si rivolgono al consumatore (le cosiddette B2C, business-to-consumer) e quelle che si concentrano sulle attività “dietro le quinte”, cioè svolte tra le imprese (B2B, business-to-business).

hardware

Anche se gli hardware non vengono più prodotti nelle stesse quantità dei decenni precedenti, rappresenta ancora una parte fondamentale del mondo della tecnologia. Anche se i moderni software possono sempre più replicare le funzioni di molti pezzi di hardware, vi è ancora un mercato importante per questo settore, che non è così obsoleto come molti credono! Molte società e lo stesso Internet funzionano solo a causa di una “spina dorsale” enorme di hardware! Nuovi prodotti interessanti, come i telefoni cellulari smartphone, sono stati in grado di rivoluzionare l’hardware nei consumatori, mentre le esigenze degli utenti per la tecnologia dell’informazione potrebbe alimentare l’innovazione dei router, server e dispositivi di archiviazione dati. Nello specifico, però, l’hardware può essere suddiviso in molti sotto-settori, comprese le attrezzature di comunicazione, computer e periferiche, apparecchiature di rete, strumenti tecnici ed elettronica di consumo. Purtroppo, gli investitori possono trovare alcuni di questi segmenti troppo arbitrari o incompleti. Di conseguenza, gli investitori non dovrebbero contare troppo sulle “etichette” al momento di decidere che cosa è o non è da considerarsi “hardware”.

(* I CFD sono strumenti ad alto rischio. Il 74-89% di investitori perde i propri soldi facendo trading sui CFD. Sii consapevole che potresti perdere i soldi che decidi di investire.)

Vuoi conoscere e seguire valide strategie di Trading? Ecco IL CORSO giusto da seguire!
... Dopo il Corso, allenati senza rischiare con un Conto Demo

(* I CFD sono strumenti ad alto rischio. Il 74-89% di investitori perde i propri soldi facendo trading sui CFD. Sii consapevole che potresti perdere i soldi che decidi di investire.)

One thought on “Guida agli investimenti nel settore tecnologico

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *