I 20 Paesi Che Possiedono l’88% Delle Riserve Auree Mondiali

Secondo il rapporto annuale del “World Gold Council 2016“, la domanda d’oro ha raggiunto le 1.290 tonnellate nel primo trimestre del 2016 e sta aumentando del 21% di anno in anno. Tale incremento è stato guidato da enormi afflussi di denaro negli Exchange Traded Funds (ETF) aurei, alimentati dalle preoccupazioni degli investitori sul mutevole andamento dell’economia globale. L’aumento dei prezzi e il boom industriale in India hanno inoltre spinto la domanda mondiale di gioielli verso il basso (-19%), mentre le banche centrali rimangono gli acquirenti più forti del metallo prezioso (con 109 tonnellate nel 1° trimestre 2016). La copertura da parte dei produttori (40 tonnellate) ha sostenuto un aumento di 56t nella fornitura mineraria, anche se contrastata da un calo marginale nelle procedure di recupero.

Le principali conclusioni del rapporto per il primo trimestre del 2016 sono le seguenti:

  • La domanda globale per il 1° trimestre 2016 è aumentata del 21% a 1,290t (nel primo trimestre 2015 era a 1,070t).
  • La domanda totale di oro è diminuita del 13% (736t), rispetto alle 849t del primo trimestre 2015.
  • Gli investimenti globali in oro sono pari a 618t, registrando un +122% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno (278t).
  • La domanda di gioielli globale è scesa del 19% (a 482t), contro le 597t del primo trimestre 2015.
  • La domanda della Banca Centrale Europea è leggermente diminuita a 109t nel 1° trimestre 2016, rispetto alle 112t nello stesso periodo dello scorso anno.
  • La domanda di oro nel settore tecnologico è scesa del 3% (a 81t) nel primo trimestre 2016.
  • La fornitura totale è aumentata del 5% (a 1,135t) nel 1° trimestre 2016, dalle 1,081t nel primo trimestre del 2015.
  • La fornitura delle miniere è in crescita dell’8%, a 774t.

plus500

 

Vediamo ora l’infografica riguardante i 20 paesi che possiedono l’88% delle riserve auree mondiali……

oro mondiale

  1. Stati Uniti 24,79%
  2. Germania 10,30%
  3. FMI (Fondo Monetario Internazionale) 8,58%
  4. Italia 7,47%
  5. Francia 7,42%
  6. Cina 5,51%
  7. Russia 4,50%
  8. Svizzera 3,17%
  9. Giappone 2,33%
  10. Olanda 1,87%
  11. India 1,70%
  12. BCE (Banca Centrale Europea) 1,54%
  13. Turchia 1,47%
  14. Taiwan 1,29%
  15. Portogallo 1,17%
  16. Arabia Saudita 0,98%
  17. Regno Unito 0,95%
  18. Libano 0,87%
  19. Spagna 0,86%
  20. Austria 0,85%

(* I CFD sono strumenti ad alto rischio. Il 74-89% di investitori perde i propri soldi facendo trading sui CFD. Sii consapevole che potresti perdere i soldi che decidi di investire.)

Vuoi allenarti col Trading?
Prova il Conto Demo della piattaforma Markets.
Comincia a prendere confidenza col trading senza rischiare il tuo capitale. VAI ALLA DEMO

(* I CFD sono strumenti ad alto rischio. Il 74-89% di investitori perde i propri soldi facendo trading sui CFD. Sii consapevole che potresti perdere i soldi che decidi di investire.)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *