I Migliori Titoli Del Settore Assicurativo

Il settore assicurativo è in calo in questa prima metà del 2016. Sui listini europei il settore assicurativo ha infatti registrato da inizio anno un calo del 13,6%, superiore a quello del mercato (-8,3%). Le pressioni sui prezzi delle polizze danni sono in aumento, con il risultato che il ramo vita è maggiormente in crescita. Quest’ultimo beneficia inoltre dell’applicazione dei nuovi requisiti previsti da Solvency II, che stanno portando a notevoli cambiamenti, incoraggiando la crescita di strumenti come le unit-linked e le strategie di protezione del capitale. Nonostante ciò, sul mercato esistono ancora dei titoli interessanti su cui puntare per un investimento a medio-lungo termine.

1. Axa (AXA)

Il colosso francese delle assicurazioni ha una capitalizzazione di mercato pari a 50,4 miliardi di euro e gli analisti gli hanno assegnato il rating buy (comprare), con target price 32 euro, di quasi il 50% superiore alle quotazioni attuali. I ricavi 2015, realizzati per il 60% nel ramo vita, si sono attestati intorno ai 37 miliardi di euro, mentre l’utile netto è di 5,6 miliardi. Il rapporto P/E (prezzo/utile) scende da 8 nel 2016 a 7,5 nel 2017, a fronte di un utile per azione rispettivamente di 2,55 e 2,76 Euro. Il ROE (redditività del capitale) si attesta stabilmente al 9,8%. Interessante anche il dividend yield del 6,2% nell’esercizio corrente e del 6,9% nel prossimo, in funzione di una cedola rispettivamente di 1,28 e 1,43 euro. Negli ultimi tre mesi la performance del titolo è negativa (-17,7%).

2. Generali (G)

La compagnia italiana è una delle più grandi al mondo nel suo settore e la sua rete si estende principalmente nei mercati dell’Europa occidentale, l’America settentrionale e l’Estremo oriente. Si tratta di una delle società con il maggiore potenziale di rialzo (+60%) rispetto a un prezzo obiettivo di 21 euro. Gli analisti hanno quindi aumentato il suo rating da hold (mantenere) a buy (comprare). Il gruppo opera prevalentemente nel settore assicurativo vita (72% dei premi) ed è attivo in più di 60 Paesi. Il titolo, che a Piazza Affari capitalizza 20,2 miliardi di euro, tratta con un multiplo di 8,1 sull’utile 2016 e di 7,4 su quello del 2017 (eps pari rispettivamente a 1,61 e 1,76 euro). Dopo quattro anni di performance inferiore alla media, il 2016 dovrebbe essere l’anno del riscatto grazie alle migliorate prospettive sul fronte dei margini reddituali e di una valutazione di Borsa non troppo cara. Il dividendo è stimato 0,83 nel 2016 e 0,95 nel 2017, che corrisponde a un dividend yield del 6,4% quest’anno e del 7,3% nel prossimo. Generali ha un ROE piuttosto stabile (10,3% nel 2016 e 10,7% nel 2017). La performance degli ultimi tre mesi è stata negativa (-23,5%).

3. Allianz (ALV)

IT_200x200 (1)Il colosso tedesco delle assicurazioni ha una capitalizzazione di mercato pari a 65 miliardi di euro, ed è a detta di molti analisti leggermente sottovalutato (8,5%) rispetto a un prezzo obiettivo di 155 euro. Il rating assegnatogli è hold (mantenere). L’azienda è leader nel settore assicurativo (53% dei premi nel vita) e nell’asset management, con quasi 85 milioni di clienti in oltre 70 Paesi. Nell’ultimo esercizio i premi totali hanno toccato 120 miliardi di euro, a fronte di un utile netto di 6,6 miliardi. Il titolo viene scambiato 9,8 volte l’utile 2016 e 9,6 quello del 2017, rispetto ad un EPS pari rispettivamente a 14,52 e 14,86 euro. La redditività è in leggera riduzione, visto che il ROE passa dal 10,2 al 9,9%. Il rendimento della cedola è invece intorno al 5% in entrambi gli esercizi, con il dividendo stimato rispettivamente 7,28 e 7,45 euro. Negli ultimi tre mesi il titolo ha lasciato sul terreno il 12,5%.

4. Aegon (AEGN)

Gli analisti hanno assegnato alla società olandese un target price di 7 euro, contro una quotazione recente di 4,92, che implica un potenziale del 40%. Il rating è buy (comprare). Il gruppo, che capitalizza 10,4 miliardi di euro, è specializzato nel ramo vita e pensioni (90% dei ricavi). Deriva inoltre il 56,5% dei premi dalle Americhe. Il titolo tratta 6 volte l’utile 2016 e 5,6 quello del prossimo esercizio, pari rispettivamente a 0,81 e 0,88 euro. Il roe sale dal 6,7 al 7%, mentre il rendimento della cedola migliora dal 5,7 al 6,9%, a fronte di un dividendo rispettivamente di 0,28 e 0,34 euro. Negli ultimi tre mesi il titolo è sceso del 6,5%, meno della media.

5. Zurich (ZFIN)

Il gruppo svizzero offre prodotti e servizi assicurativi in più di 170 Paesi e ha una capitalizzazione di mercato di 33,2 miliardi di franchi svizzeri. Per gli analisti ha un rating “sell” (vendere). I ricavi 2015, realizzati per il 27% nel ramo vita, sono superiori a 48 miliardi di dollari, mentre l’utile netto è 1,84 miliardi. Il P/E (prezzo/utile) scende da 10 nel 2016 a 9,5 nel 2017, a fronte di un utile per azione (EPS) rispettivamente di 21,77 e 23,36 franchi. In leggero aumento il ROE che passa dal 10,3 al 10,7%. Molto attraente il dividend yield del 7,7% in funzione di una cedola in entrambi gli esercizi di 17 franchi. Negli ultimi tre mesi la performance del titolo è stata negativa (-13,4%).

Vuoi allenarti col Trading senza rischiare?
Prova il Conto Demo della piattaforma Markets.
Comincia a prendere confidenza col trading senza rischiare il tuo capitale. VAI ALLA DEMO

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Cookies Policy Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close