La Correlazione Tra il Prezzo Del Petrolio e i Mercati Finanziari

Ultimamente, il prezzo del petrolio è stato il “conduttore” più importante per la performance dei mercati finanziari.

La correlazione tra mercati azionari e petrolio è stata molto positiva, con entrambi i mercati che hanno registrato aumenti e cali quasi all’unisono. Al contrario, la correlazione tra prezzi del petrolio e mercati obbligazionari è stata invece estremamente negativa.

Calcolando il coefficiente di correlazione tra i diversi mercati finanziari e il petrolio, e immettendoli in un contesto storico, emerge che la correlazione, per quanto elevata in termini di parametri storici, non risulta però aver raggiunto i suoi massimi assoluti. Molti anni fa ci sono stati periodi in cui il legame tra prezzi del petrolio e performance dei mercati finanziari è risultato anche più forte.

Tuttavia, potrebbe anche darsi che la forte correlazione tra petrolio e mercati finanziari abbia ora raggiunto (e superato) l’apice; nelle ultime settimane abbiamo assistito a diverse sessioni di trading in cui i mercati azionari sono scesi a fronte invece di un rialzo dei prezzi del petrolio e viceversa.

La Correlazione Tra il Prezzo Del Petrolio e i Mercati FinanziariAd ogni modo, questa correlazione dipende principalmente dall’influenza dei prezzi del petrolio sulle aspettative dell’inflazione e dalla sua relazione con la crescita economica.

In passato il crollo del prezzo del petrolio dai $ 100 al barile (bbl) di metà 2014, ai $ 30/bbl di inizio 2016 ha rappresentato un movimento molto significativo. Questo evento ha influenzato le previsioni sull’inflazione e le azioni delle banche centrali di tutto il mondo. Con un prezzo del petrolio a $ 30 al barile, infatti, società e paesi produttori di petrolio si sono trovati sottoposti a tensioni significative che hanno influenzato direttamente la performance dei mercati azionari e obbligazionari in quei settori e in quei paesi. In questo senso, la correlazione tra petrolio e mercati azionari ha toccato nuovi massimi, dato che le previsioni sugli utili per le compagnie legate al petrolio hanno cominciato a finire sotto pressione e i mercati finanziari in generale hanno interpretato i prezzi bassi del petrolio come un segnale di una possibile sostanziale decelerazione della crescita economica (soprattutto in Cina).

Nelle ultime settimane, tuttavia, le previsioni di crescita sono tornate positive: conseguentemente, i prezzi del petrolio hanno registrato un rimbalzo dai loro minimi. Allo stesso tempo, i prezzi del petrolio sono tornati sopra i $ 40, raggiungendo livelli più “graditi” ai produttori di petrolio. I dati sul posizionamento suggeriscono che i primi produttori stanno utilizzando i livelli attuali a copertura di parte della loro produzione. Il fatto che i prezzi del petrolio non siano più a livelli allarmanti è stato positivo per le azioni e, di conseguenza, anche la correlazione tra prezzi del petrolio e mercati azionari è rimasta alta durante il rimbalzo. Ma una correlazione simile esiste anche tra petrolio e reddito fisso: quando i prezzi del petrolio sono crollati, le previsioni sull’inflazione sono diminuite sostenendo il reddito fisso e viceversa.

Conclusioni

Ma quanto potrà durare questa correlazione tra petrolio e mercati finanziari? I dati storici mostrano che essa ha un andamento ciclico: ciò significa che è più forte in alcuni periodi e più debole in altri. Recentemente, pare che questo legame abbia cominciato ad indebolirsi ed è logico pensare che la correlazione sia destinata a ridursi ulteriormente. Più in generale, la correlazione tra petrolio e mercati finanziari raggiunse l’apice quando i prezzi del petrolio toccarono livelli estremi. Quando i prezzi del petrolio crollarono a $ 30 al barile, anche un minimo miglioramento dei prezzi del petrolio avrebbe innescato un significativo “relief rally” a livello azionario, dando origine ad una forte correlazione. Tuttavia, ora che i prezzi del petrolio hanno raggiunto livelli più accettabili per i produttori, anche il grado di correlazione dovrebbe normalizzarsi, ovvero diminuire. Andando avanti di questo passo, quindi, sembra che i prezzi del petrolio torneranno a essere meno importanti per i mercati azionari.

(* I CFD sono strumenti ad alto rischio. Il 74-89% di investitori perde i propri soldi facendo trading sui CFD. Sii consapevole che potresti perdere i soldi che decidi di investire.)

Vuoi conoscere e seguire valide strategie di Trading? Ecco IL CORSO giusto da seguire!
... Dopo il Corso, allenati senza rischiare con un Conto Demo

(* I CFD sono strumenti ad alto rischio. Il 74-89% di investitori perde i propri soldi facendo trading sui CFD. Sii consapevole che potresti perdere i soldi che decidi di investire.)

One thought on “La Correlazione Tra il Prezzo Del Petrolio e i Mercati Finanziari

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *