I contratti di Borsa

Le transazioni dei titoli si effettuano attraverso i contratti di borsa, che vengono redatti dagli operatori su appositi modelli chiamati fissati bollati. I contratti di borsa di compravendita di valori finanziari possono essere a pronti o a termine. I contratti a pronti (o a contanti) sono caratterizzati dal fatto che la loro esecuzione avviene quasi contemporaneamente alla loro stipulazione.

i contratti di borsa

Le parti contraenti (acquirente e venditore), una volta concluso l’affare, si scambiano immediatamente i titoli al prezzo pattuito. Questi tipi di operazioni sono compiute dagli acquirenti stabili, vale a dire i risparmiatori e gli investitori istituzionali, cioè quei soggetti che non hanno fini speculativi.

I contratti a termine sono invece tipici strumenti speculativi poichè la loro esecuzione è differita di un dato lasso di tempo (rispetto alla stipulazione). Dovete sapere che i contratti di borsa a termine sono differenziali e non reali! I rialzisti (acquirenti) ed i ribassisti (venditori) non mirano, rispettivamente, ad avere la disponibilità dei titoli o a consegnarli alla scadenza (e ciò significa dire che i contratti non sono “reali”), ma semplicemente a speculare sulle loro oscillazioni di valore (contratti differenziali).

I contratti a termine non prevedono il materiale scambio dei titoli contro il prezzo stabilito, ma solo il pagamento dell’importo pari alla differenza tra il prezzo di vendita e quello di acquisto. Le liquidazioni di borsa sono effettuate con il meccanismo delle “stanze di compensazione”.

I contratti a termine, a loro volta, possono essere a termine fermo o a premio. Sono a termine fermo se le parti si obbligano in ogni caso a darvi esecuzione alla scadenza. Sono a premio se i contraenti si riservano la facoltà, dietro pagamento di una somma (premio), di:

  • scegliere se recedere dal contratto o se darvi esecuzione;
  • dichiararsi, a scelta, acquirente o venditore;
  • raddoppiare o triplicare la quantità dei titoli negoziati.

Le più importanti tipologie di contratti a premio sono:

  • il contratto dont, che conferisce all’operatore che ha pagato il premio la libertà di dare esecuzione al contratto (levare il premio) o di recedere (abbandonare il premio), a seconda della propria convenienza;
  • il contratto stellage, dove il contraente, dove il contraente, in cambio del pagamento del premio, può riservarsi il diritto (sempre nel giorno di liquidazione) di dichiararsi acquirente o venditore, a seconda della convenienza;
  • il contratto noch, dove l’operatore che paga il premio può, alla scadenza del termine, decidere di raddoppiare o triplicare la quantità negoziata (noch per ritirare, se è pagato dal compratore; noch per consegnare, se pagato dal venditore).
Sommario Recensione
Data Recensione
Voto
51star1star1star1star1star
Condividi suShare on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on LinkedIn0Share on Reddit0
Vuoi allenarti col Trading senza rischiare?
Prova il Conto Demo della piattaforma Markets.
Comincia a prendere confidenza col trading senza rischiare il tuo capitale. VAI ALLA DEMO

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Cookies Policy Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close